arrow-left Ville

Le collezioni della memoria

La casa è stata edificata ex novo dove prima sorgeva una struttura anni Sessanta. Il desiderio della committenza di creare un incontro tra tradizione e modernità è stato colto e realizzato dall’architetto Paolo Neè che ha studiato l’intero progetto.

Credits

Interior Designer

Zenucchi Design Code

Fotografi

Andrea Rinaldi & Michele Notarangelo

Architetto

Paolo Neè

Una fusione tra tradizione e modernità

La dimora si allaccia esteriormente a un impianto tradizionale che rievoca per certi dettagli le cascine tipiche della zona lombarda: il portico, la pavimentazione e il posizionamento con testate est-ovest. La struttura è stata edificata da Baitelli Costruzioni che ha curato ogni opera edile: dalla demolizione del precedente impianto alla costruzione del nuovo edificio. Il progetto, come spiega l’architetto, prevede poi un interno totalmente sradicato dalla tradizione per quanto riguarda la distribuzione logica degli spazi. La dimora infatti presenta volumi molto ampi accolti in una zona giorno importante, che, posizionata a piano terra, è stata progettata per accogliere la luminosità del portico. In affaccio sul living si estende un sovralivello che introduce alla zona notte distaccando le due funzionalità della dimora, pur non ricorrendo alla distinzione dei due piani. In tal modo l’ampio volume non ne risulta intaccato. La taverna e la cantinetta, nel seminterrato, accolgono in una dimensione intima molte delle collezioni e dei complementi di antiquariato che animano la casa. Di grande evidenza è la volontà di operare una fusione tra tradizione e modernità anche nella scelta dei materiali. Per la pavimentazione interna e esterna, fornita e posata da Guadadiello srl, la scelta risulta lampante e di grande effetto: spiccano il marmo di Trani invecchiato posato nel portico, il rovere da recupero che diventa delicato fil rouge di tutta l’abitazione, il cotto da recupero presente nella taverna e nella cantinetta. La passione dei proprietari per oggetti unici e di non facile reperimento si esplica per esempio nella selezione dei tendaggi di tutta la dimora: tessuti francesi arricchiti da intarsi e ricami, acquistati a Forte dei Marmi da Novecento, a cui appartengono anche gli splendidi cuscini in lino e pizzo della camera matrimoniale. La fornitura dei bastoni per queste tende è di Apostoli Interior, da cui proviene anche la delicata sottotenda in lino della cucina. Nel salone grande eleganza per la sopratenda in seta naturale morbida in abbinamento alla sottotenda in lino naturale tessuta con telaio a mano. Il bastone della struttura è in ferro sbiancato a mano con bracciolo ferma tenda leggermente imbottito: tutto di Tappezzeria Gatti.

La tradizione di un tavolo in stile o di un lampadario con pendagli

Della stessa azienda anche i divani tre posti e due posti abbinati al pouf, in 100% cotone con imbottitura in gomma naturale. Tradizione anche per alcuni tocchi di classe nell’illuminazione: spiccano i paralumi da parete di Click Paralumi, realizzati a mano su misura, dal telaio alla ventola, grazie alla perizia artigianale che contraddistingue la ditta bresciana. Catalizzatori di attenzione sono i caminetti in marmo di Botticino lavorati e realizzati da Claudio Zambelli, titolare di Barbacan. Uno troneggia imponente in taverna, mentre l’altro è posto in una dimensione più salottiera e conviviale. Tutta la lavorazione e le finiture sono state realizzate a mano dall’artista bresciano. Spostandoci in cucina ci si rende conto di come la modernità della cucina Alea di Varenna ben abbracci la tradizione di un tavolo in stile o di un lampadario con pendagli. Le superfici della cucina, laccata lucida con piano in marmo travertino fornita da Zenucchi Design Code, esaltano infatti la luminosità dell’ambiente, mentre la tecnologia degli elettrodomestici porta il nome Neff. Per il bagno collocato nella zona notte si è optato per l’eccellenza di grandi brand: i mobili dell’arredo bagno sono la collezione Manhattan di Karol, elegante e di rigore formale; la vasca Philippe Starck di Duravit, grande design per una forma pura, è costruita sulla geometria dell’ovale e si eleva a protagonista della sala da bagno; i sanitari Flaminia serie Monò Sospesa sono abbinati alla rubinetteria Rettangolo XL di Gessi e gli scalda-salviette X-Steel sono di Tubes. Grandi firme tutte fornite da S.T.I.P. e montate da Idraulica Salamini Ennio, che ha curato anche l’impianto di condizionamento e di riscaldamento a pavimento, nonché il sistema di pannellatura solare della casa.

Download
brochure

Clicca sul bottone qui sotto per scaricare e visualizzare la brochure del progetto